ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Ecco come la criptovaluta di Facebook cambierà il sistema bancario globale [15-6-2019]  »Fca e Renault ci riprovano. Via a nuovi colloqui  [15-6-2019]  »Migranti, autorizzato sbarco di 10 persone dalla Sea Watch 3 [15-6-2019]  »Navigator, via alla selezione. Sui compiti spezzatino regionale  [15-6-2019]  »Più speranze e meno risentimenti [15-6-2019]  »Tra litigi e riforme flop, così il Csm è diventato ostaggio delle sue correnti [15-6-2019]  »Sentenza «Fantozzi»: il calcetto coi colleghi fa parte dell’orario di lavoro [15-6-2019]  »Addio a Franco Zeffirelli, maestro del gusto italiano [15-6-2019]  »Hormuz, venti di guerra Usa-Iran sulle rotte del petrolio [15-6-2019]  »Il piano Tria per evitare la procedura Ue: in due anni deficit giù di 8-10 miliardi [15-6-2019]  »5G, allarme di polizia e servizi: «Intercettazioni a rischio» [15-6-2019]  »Boom di ristoranti: +30mila in otto anni, crescita record a Siracusa [15-6-2019]  »Genova studia la candidatura all’Expo [15-6-2019]  »Carige, il gelo di Malacalza: «Il piano Apollo non mi pare un progetto industriale» [15-6-2019]  »I popolari spagnoli si alleano all’ultra destra e conquistano la città di Madrid [15-6-2019]  »Lunedì nero delle tasse: il 17 giugno si versano all'Erario 32,6 miliardi [15-6-2019]  »Borse, il grafico che svela perché la prossima bolla ora è più lontana [14-6-2019]  »Perché quando i tassi dei bond crollano, l’oro rialza la testa [15-6-2019]  »La casa 4.0? Punta su digitale, domotica, delivery room e terrazze per feste  [15-6-2019]  »Hong Kong, sospesa la legge sulle estradizioni in Cina [15-6-2019]  

Menu

Visualizza articoli per tag: russia

HomeVisualizza articoli per tag: russia
HomeVisualizza articoli per tag: russia

Il Parlamento russo trasforma la Crimea in un paradiso fiscale

postato su Maggio 03, 2017 da Marco De Leo postato in Blog

C’è aria di grandi novità in Russia, dove il Parlamento sta per varare una riforma che stravolgerà il settore finanziario e assicurativo. La Crimea diventerà a breve un paradiso fiscale off-shore, nel quale compagnie di assicurazione, banche estere, fondi pensione e società di intermediazione potranno operare senza alcun obbligo di licenza. Sarà inoltre garantito l’anonimato ai fondi fiduciari che investiranno in Crimea, che così si trasformerà in una “zona di transito internazionale”.

Continua a leggere