ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Bollette, come risolvere le controversie su luce, gas e acqua (senza giudice) [21-1-2020]  »Borsa, ecco perché il 2020 potrebbe essere l’anno dei titoli ciclici [21-1-2020]  »Trump e Greta si sfidano a Davos: «Non si è fatto nulla per il clima». «Basta profeti di sventura» [21-1-2020]  »Ex-Ilva: con disimpegno Mittal impatto su Pil di 3,5 miliardi [21-1-2020]  »Virus polmonare, sesta morte in Cina. Oggi riunione d’urgenza all’Oms [21-1-2020]  »Borse in rosso, pesano i timori sul virus in Cina. Vendite sui titoli del lusso [21-1-2020]  »Rischi globali, perché il «cigno verde» potrebbe essere peggiore del «cigno nero» [20-1-2020]  »Crisi Libia, Mattarella: «Non si può prendere il potere con le armi» [21-1-2020]  »Libia, stop al petrolio per il ricatto di Haftar [21-1-2020]  »Disney all’assalto di Netflix & Co: il 24 marzo il debutto in Italia [21-1-2020]  »Figli fuori dal matrimonio, il padre deve dare il cognome anche se non vuole [21-1-2020]  »Sanremo, Salvini e Pinguini Tattici Nucleari: quando la polemica è strumentale [21-1-2020]  »I 200mila camion che portano in giro i rifiuti delle Regioni incapaci di smaltire [21-1-2020]  »Detto e contraddetto: Salvini e il caso Gregoretti [21-1-2020]  »Basta carte di credito e smartphone: con Amazon si pagherà con la mano [20-1-2020]  »Chl, arriva il fallimento per il pioniere dell’e-commerce italiano [20-1-2020]  »Pop. Bari: via libera della Camera al decreto, passa al Senato [21-1-2020]  »Regionali Emilia Romagna, faccia a faccia in tv Borgonzoni-Bonaccini: scintille sulla sanità [21-1-2020]  »Fmi, nel 2020 ripresina in vista (+3,3%) per l’economia globale. Meno timori per la Brexit [20-1-2020]  »Al via la Carta famiglia per i nuclei numerosi in attesa dell’assegno universale [20-1-2020]  

Menu

polizze

Homepolizze
Homepolizze

Polizze RC auto e moto, ecco l'elenco dei siti irregolari

postato su Ottobre 04, 2019 da Staff postato in Blog

La distribuzione di polizze assicurative tramite i suddetti siti è irregolare.

Le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati.

I fatti sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria. L’IVASS raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea. In particolare, l’IVASS consiglia ai consumatori di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati e di consultare sul sito www.ivass.it:

  • gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenchi specifici per la r. c. auto, italiane ed estere)
  • il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea
  • l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, Società non autorizzate e Siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione

L’IVASS sottolinea, in particolare, che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o società, non iscritte negli elenchi sopra indicati. Comunicazione e Relazioni esterne e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel.: 06. 42133.452 I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell’IVASS al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 – 14.30. I siti internet o i profili Facebook (o di altri social network) degli intermediari italiani che svolgono attività on-line devono sempre indicare:

  1. i dati identificativi dell’intermediario;
  2. l’indirizzo della sede, il recapito telefonico, il numero di fax e l’indirizzo di posta elettronica certificata;
  3. il numero e la data di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi nonché l’indicazione che l’intermediario è soggetto al controllo dell’IVASS.

I siti o i profili Facebook (o di altri social network) che non contengono le informazioni sopra riportate non sono conformi alla disciplina in tema di intermediazione assicurativa ed espongono il consumatore al rischio di stipulazione di polizze contraffatte.

Per gli intermediari dello Spazio Economico Europeo (SEE) abilitatati ad operare in Italia il sito internet deve riportare, oltre ai dati identificativi, il numero di iscrizione nel Registro dello Stato membro di origine, l’indirizzo di posta elettronica, l’indicazione dell’eventuale sede secondaria e la dichiarazione di abilitazione all’esercizio dell’attività in Italia con l’indicazione dell’Autorità di vigilanza dello Stato membro di origine.

Continua a leggere