ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Aiuti «contro l’ambiente»: dal gasolio alla corrente, ecco che cosa diventerà più caro [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Coronavirus, ultimi dati: 1.640 nuovi contagi su oltre 103mila tamponi, 20 vittime [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Bonus per i televisori a rilento. Rischi sul passaggio alla seconda fase del digitale [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Superbonus 110%, su internet pioggia di offerte «tutto gratis». Ma per l’affare non basta un clic [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Smart working dal 16 ottobre, come cambiano le regole per la quarantena dei figli [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Borse europee frenano sul finale: Piazza Affari si salva (+0,2%) ma crollano le banche. Male Wall Street [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Caso Diasorin, la Gdf copia il cellullare del governatore Fontana [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Stadi, aumenta la capienza: mille tifosi per ogni settore ma senza striscioni [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Migranti, il piano di riforma della Ue: ricollocamento o «rimpatrio sponsorizzato» [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Tutti contro Crimi «il temporeggiatore»: le correnti M5S invocano il congresso subito [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Tesla, in tre anni una vettura elettrica a 25mila dollari. E batterie super-potenti. Mercato deluso: titolo giù [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Università: Bocconi e Politecnico di Milano nella top 10 mondiale dei master [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »La Germania non bada a spese: nella maxi-manovra nuovo debito per 96 miliardi nel 2021 [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Regionali, le elette sono appena il 23%. Hermanin (+Europa): «Donne rimosse dalla politica» [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Morta Juliette Greco, voce della Parigi esistenzialista [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Fincantieri avvia la costruzione di Zeus, nave sperimentale a zero emissioni [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Facebook prova a far pace con gli inserzionisti: ecco il primo accordo [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Covid-19, gli asintomatici hanno la stessa carica virale di chi ha sintomi lievi [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Mense aziendali addio: il futuro è lo smart locker, un frigo per gli ordini dei lavoratori [Posted on Wednesday September 23, 2020]  

Menu

polizze

Homepolizze
Homepolizze

Polizze assicurative, segnalati 3 siti internet irregolari

postato su Giugno 05, 2020 da Staff postato in Blog

ROMA - L’Ivass segnala 3 siti internet irregolari. La distribuzione di polizze assicurative tramite questi siti è irregolare.

Le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati.

Si tratta di:

L’Ivass raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea.

In particolare, l’Ivass consiglia ai consumatori di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati e di consultare sul sito www.ivass.it: gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenchi specifici per la r. c. auto, italiane ed estere); - il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea; - l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, Società non autorizzate e Siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione.

L’Ivass sottolinea, in particolare, che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o società, non iscritte negli elenchi sopra indicati.

I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell’Ivass al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 - 14.30.

Continua a leggere

Polizze RC auto e moto, ecco l'elenco dei siti irregolari

postato su Ottobre 04, 2019 da Staff postato in Blog

La distribuzione di polizze assicurative tramite i suddetti siti è irregolare.

Le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati.

I fatti sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria. L’IVASS raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea. In particolare, l’IVASS consiglia ai consumatori di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati e di consultare sul sito www.ivass.it:

  • gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenchi specifici per la r. c. auto, italiane ed estere)
  • il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea
  • l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, Società non autorizzate e Siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione

L’IVASS sottolinea, in particolare, che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o società, non iscritte negli elenchi sopra indicati. Comunicazione e Relazioni esterne e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel.: 06. 42133.452 I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell’IVASS al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 – 14.30. I siti internet o i profili Facebook (o di altri social network) degli intermediari italiani che svolgono attività on-line devono sempre indicare:

  1. i dati identificativi dell’intermediario;
  2. l’indirizzo della sede, il recapito telefonico, il numero di fax e l’indirizzo di posta elettronica certificata;
  3. il numero e la data di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi nonché l’indicazione che l’intermediario è soggetto al controllo dell’IVASS.

I siti o i profili Facebook (o di altri social network) che non contengono le informazioni sopra riportate non sono conformi alla disciplina in tema di intermediazione assicurativa ed espongono il consumatore al rischio di stipulazione di polizze contraffatte.

Per gli intermediari dello Spazio Economico Europeo (SEE) abilitatati ad operare in Italia il sito internet deve riportare, oltre ai dati identificativi, il numero di iscrizione nel Registro dello Stato membro di origine, l’indirizzo di posta elettronica, l’indicazione dell’eventuale sede secondaria e la dichiarazione di abilitazione all’esercizio dell’attività in Italia con l’indicazione dell’Autorità di vigilanza dello Stato membro di origine.

Continua a leggere