ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Mes, il Pd e i Cinque stelle cercano l’accordo sul Fondo salva-Stati [10-12-2019]  »Borse europee attese in negativo. I listini asiatici chiudono in leggero ribasso [10-12-2019]  »Petrolio, così per la Russia (e per l’Opec) diventa più facile barare sui tagli [10-12-2019]  »Trump, Ucrainagate: al voto 2 articoli di impeachment. E l’inchiesta Russiagate fu legittima [10-12-2019]  »Evasori fiscali, siete d’accordo a pubblicare le liste anche in Italia? [10-12-2019]  »De Benedetti: «Usciamo da Gedi a testa alta, a Exor la sfida di trasformarla» [10-12-2019]  »Ultimo saldo per Imu e Tasi prima della fusione nel 2020 [10-12-2019]  »Ecco la sbalorditiva correlazione tra tassi negativi e surplus dell’Eurozona [10-12-2019]  »Un anno su Twitter, Salvini e Juventus gli hashtag più popolari del 2019 [9-12-2019]  »Banche, l’impatto sul capitale di Basilea 4 dimezzabile se Bce dice sì [9-12-2019]  »Manovra: plastic tax scende a 50 centesimi, si riduce l’incasso a 150 milioni nel 2020 [9-12-2019]  »Russia e Ucraina: accordo per il cessate il fuoco. Riparte il dialogo [9-12-2019]  »Ergastolo a Battisti, la Cassazione: la fuga rende nullo l’accordo col Brasile [9-12-2019]  »Italiani nel Regno Unito: cosa devono fare se vince Johnson e la Brexit diventa realtà [9-12-2019]  »Banche e Poste allo scontro sulla gestione delle Tesorerie dei Comuni [9-12-2019]  »Non solo Cattelan: l’arte della banana da Andy Warhol ai Minions [9-12-2019]  »Da Pascale ai Papaboys, le «sardine» incassano adesioni [9-12-2019]  »Addio a Paul Volcker: guidò la Fed negli anni ’80 domando l’inflazione [9-12-2019]  »Università, Bocconi terza in Europa tra le business school. PoliMi tra le migliori scuole tecniche [9-12-2019]  »Auto 2020, ecco le novità in arrivo [9-12-2019]  

Menu

polizze

Homepolizze
Homepolizze

Polizze RC auto e moto, ecco l'elenco dei siti irregolari

postato su Ottobre 04, 2019 da Staff postato in Blog

La distribuzione di polizze assicurative tramite i suddetti siti è irregolare.

Le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati.

I fatti sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria. L’IVASS raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea. In particolare, l’IVASS consiglia ai consumatori di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati e di consultare sul sito www.ivass.it:

  • gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenchi specifici per la r. c. auto, italiane ed estere)
  • il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea
  • l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, Società non autorizzate e Siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione

L’IVASS sottolinea, in particolare, che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o società, non iscritte negli elenchi sopra indicati. Comunicazione e Relazioni esterne e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel.: 06. 42133.452 I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell’IVASS al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 – 14.30. I siti internet o i profili Facebook (o di altri social network) degli intermediari italiani che svolgono attività on-line devono sempre indicare:

  1. i dati identificativi dell’intermediario;
  2. l’indirizzo della sede, il recapito telefonico, il numero di fax e l’indirizzo di posta elettronica certificata;
  3. il numero e la data di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi nonché l’indicazione che l’intermediario è soggetto al controllo dell’IVASS.

I siti o i profili Facebook (o di altri social network) che non contengono le informazioni sopra riportate non sono conformi alla disciplina in tema di intermediazione assicurativa ed espongono il consumatore al rischio di stipulazione di polizze contraffatte.

Per gli intermediari dello Spazio Economico Europeo (SEE) abilitatati ad operare in Italia il sito internet deve riportare, oltre ai dati identificativi, il numero di iscrizione nel Registro dello Stato membro di origine, l’indirizzo di posta elettronica, l’indicazione dell’eventuale sede secondaria e la dichiarazione di abilitazione all’esercizio dell’attività in Italia con l’indicazione dell’Autorità di vigilanza dello Stato membro di origine.

Continua a leggere