ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Coronavirus, discoteche ancora chiuse e stretta sui voli: le nuove misure dal 15 luglio [Posted on Tuesday July 14, 2020]  »Europa frena su timori Covid. A Milano Atlantia attende il verdetto del Cdm [Posted on Tuesday July 14, 2020]  »Merkel a Conte: da Italia straordinaria disciplina durante la pandemia. Avremo un accordo sul Recovery Fund [Posted on Monday July 13, 2020]  »Ubi Banca, Cattolica aderisce all’Ops di Intesa Sanpaolo [Posted on Monday July 13, 2020]  »Coronavirus ultime notizie. 'Ndrangheta, 8 arresti, cosca puntava a fondi per Covid. Oltre 573mila morti nel mondo. Usa, quasi 60mila nuovi casi, contagi totali a quota 3,36 milioni [Posted on Tuesday July 14, 2020]  »L’eta dell’Odio in rete e la ricerca tribale del capro espiatorio [Posted on Tuesday July 14, 2020]  »Clima, BlackRock compila la lista nera delle società e boccia 244 colossi [Posted on Tuesday July 14, 2020]  »Boom di start-up, la Lombardia riparte. Ecco gli Innovation days [Posted on Friday July 03, 2020]  »Italia senza futuro, l’Istat: minimo storico di nascite dall’Unità [Posted on Monday July 13, 2020]  »Benaglia: La contrattazione non può andare in cig, adesso rinnovare il contratto dei meccanici [Posted on Tuesday July 14, 2020]  »Smart working, il lavoratore (anche turnista) non ha diritto al buono pasto [Posted on Monday July 13, 2020]  »Oltre 22mila ricorsi all’Arbitro bancario finanziario, il 48% legati alla cessione del quinto [Posted on Monday July 13, 2020]  »Il cocktail dell’estate 2020? Gin tonic e mojito già pronti da bere in lattina [Posted on Monday July 13, 2020]  »Il lato divertente di imparare [Posted on Monday July 13, 2020]  »On: le scarpe di Roger Federer verso la quotazione in Borsa [Posted on Monday July 13, 2020]  

Menu

polizze

Homepolizze
Homepolizze

Polizze assicurative, segnalati 3 siti internet irregolari

postato su Giugno 05, 2020 da Staff postato in Blog

ROMA - L’Ivass segnala 3 siti internet irregolari. La distribuzione di polizze assicurative tramite questi siti è irregolare.

Le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati.

Si tratta di:

L’Ivass raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea.

In particolare, l’Ivass consiglia ai consumatori di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati e di consultare sul sito www.ivass.it: gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenchi specifici per la r. c. auto, italiane ed estere); - il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea; - l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, Società non autorizzate e Siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione.

L’Ivass sottolinea, in particolare, che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o società, non iscritte negli elenchi sopra indicati.

I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell’Ivass al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 - 14.30.

Continua a leggere

Polizze RC auto e moto, ecco l'elenco dei siti irregolari

postato su Ottobre 04, 2019 da Staff postato in Blog

La distribuzione di polizze assicurative tramite i suddetti siti è irregolare.

Le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati.

I fatti sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria. L’IVASS raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea. In particolare, l’IVASS consiglia ai consumatori di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati e di consultare sul sito www.ivass.it:

  • gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenchi specifici per la r. c. auto, italiane ed estere)
  • il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea
  • l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, Società non autorizzate e Siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione

L’IVASS sottolinea, in particolare, che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o società, non iscritte negli elenchi sopra indicati. Comunicazione e Relazioni esterne e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel.: 06. 42133.452 I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell’IVASS al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 – 14.30. I siti internet o i profili Facebook (o di altri social network) degli intermediari italiani che svolgono attività on-line devono sempre indicare:

  1. i dati identificativi dell’intermediario;
  2. l’indirizzo della sede, il recapito telefonico, il numero di fax e l’indirizzo di posta elettronica certificata;
  3. il numero e la data di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi nonché l’indicazione che l’intermediario è soggetto al controllo dell’IVASS.

I siti o i profili Facebook (o di altri social network) che non contengono le informazioni sopra riportate non sono conformi alla disciplina in tema di intermediazione assicurativa ed espongono il consumatore al rischio di stipulazione di polizze contraffatte.

Per gli intermediari dello Spazio Economico Europeo (SEE) abilitatati ad operare in Italia il sito internet deve riportare, oltre ai dati identificativi, il numero di iscrizione nel Registro dello Stato membro di origine, l’indirizzo di posta elettronica, l’indicazione dell’eventuale sede secondaria e la dichiarazione di abilitazione all’esercizio dell’attività in Italia con l’indicazione dell’Autorità di vigilanza dello Stato membro di origine.

Continua a leggere