ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Vacanze, nuova stangata: dalle navi ai voli, ecco tutti i rincari [Posted on Sunday August 01, 2021]  »Coronavirus Oggi. Lazio, attacco hacker: oscurati portale Salute e rete vaccinale [Posted on Sunday August 01, 2021]  »Più tempo per sostituire la tv con il bonus: in 10 punti i cambiamenti in arrivo [Posted on Saturday July 31, 2021]  »Brunetta scuote la Pa: «Carriere più premianti per sfruttare il Recovery» [Posted on Sunday August 01, 2021]  »Nuoto, bronzo per la staffetta mista maschile. Flop epocale per la scherma [Posted on Sunday August 01, 2021]  »UniCredit-Mps, da Giani a Salvini a Brunetta: la politica frena le nozze [Posted on Saturday July 31, 2021]  »Incendi, Curcio: in Sicilia rinforzi da altre regioni. Draghi firma Dpcm [Posted on Saturday July 31, 2021]  »Berlusconi incorona Salvini leader. Uniti sul centrodestra, divisi sui vaccini [Posted on Saturday July 31, 2021]  »Quando la posta in gioco è davvero alta meno ci pensiamo meglio è [Posted on Sunday August 01, 2021]  »Banche europee a prova di stress. Ma Mps è l’ultima della classe [Posted on Friday July 30, 2021]  »Azienda Italia, ora la sfida da vincere è la crescita fino al 6% [Posted on Saturday July 31, 2021]  »Dalla Lombardia al Trentino, tutte le regioni che vaccinano in vacanza [Posted on Saturday July 31, 2021]  »Mattarella e il semestre bianco. Quello che accadrà in 4 domande e risposte [Posted on Saturday July 31, 2021]  »Flop dell’RcAuto familiare, il neopatentato paga il doppio dei genitori [Posted on Friday July 30, 2021]  »Eco-incentivi auto: da lunedì via alle prenotazioni [Posted on Friday July 30, 2021]  »Big Tech [Posted on Tuesday March 30, 2021]  »Amazon chiude la stagione d’oro di Big Tech: 5 gruppi, 75 miliardi di utili [Posted on Friday July 30, 2021]  »Autostrade, nuovo intervento per il traffico: via alla terza corsia tra Firenze sud e Incisa [Posted on Saturday July 31, 2021]  »Giffoni Film Festival, vincono «Dragon Girl» e «Ninjababy» [Posted on Saturday July 31, 2021]  »Faq fuori dalla scala giuridica ma va preservato chi si adegua [Posted on Saturday July 31, 2021]  

Menu

polizze

Homepolizze
Homepolizze

Polizze assicurative, segnalati 3 siti internet irregolari

postato su Giugno 05, 2020 da Staff postato in Blog

ROMA - L’Ivass segnala 3 siti internet irregolari. La distribuzione di polizze assicurative tramite questi siti è irregolare.

Le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati.

Si tratta di:

L’Ivass raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea.

In particolare, l’Ivass consiglia ai consumatori di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati e di consultare sul sito www.ivass.it: gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenchi specifici per la r. c. auto, italiane ed estere); - il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea; - l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, Società non autorizzate e Siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione.

L’Ivass sottolinea, in particolare, che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o società, non iscritte negli elenchi sopra indicati.

I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell’Ivass al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 - 14.30.

Continua a leggere

Polizze RC auto e moto, ecco l'elenco dei siti irregolari

postato su Ottobre 04, 2019 da Staff postato in Blog

La distribuzione di polizze assicurative tramite i suddetti siti è irregolare.

Le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati.

I fatti sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria. L’IVASS raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea. In particolare, l’IVASS consiglia ai consumatori di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati e di consultare sul sito www.ivass.it:

  • gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenchi specifici per la r. c. auto, italiane ed estere)
  • il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea
  • l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, Società non autorizzate e Siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione

L’IVASS sottolinea, in particolare, che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o società, non iscritte negli elenchi sopra indicati. Comunicazione e Relazioni esterne e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel.: 06. 42133.452 I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell’IVASS al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 – 14.30. I siti internet o i profili Facebook (o di altri social network) degli intermediari italiani che svolgono attività on-line devono sempre indicare:

  1. i dati identificativi dell’intermediario;
  2. l’indirizzo della sede, il recapito telefonico, il numero di fax e l’indirizzo di posta elettronica certificata;
  3. il numero e la data di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi nonché l’indicazione che l’intermediario è soggetto al controllo dell’IVASS.

I siti o i profili Facebook (o di altri social network) che non contengono le informazioni sopra riportate non sono conformi alla disciplina in tema di intermediazione assicurativa ed espongono il consumatore al rischio di stipulazione di polizze contraffatte.

Per gli intermediari dello Spazio Economico Europeo (SEE) abilitatati ad operare in Italia il sito internet deve riportare, oltre ai dati identificativi, il numero di iscrizione nel Registro dello Stato membro di origine, l’indirizzo di posta elettronica, l’indicazione dell’eventuale sede secondaria e la dichiarazione di abilitazione all’esercizio dell’attività in Italia con l’indicazione dell’Autorità di vigilanza dello Stato membro di origine.

Continua a leggere