ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Firmato il Dpcm in vigore fino al 6 aprile. Scuole chiuse in zone rosse o ad alto contagio. Resta divieto di asporto di bevande dai bar dopo le 18 [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Coronavirus, ultime notizie in Italia: altri 17.083 casi e 343 vittime.Più ricoveri e terapie intensive, giù tasso di positività [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Passaporto vaccinale europeo per l’estate: ecco cosa conterrà [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Cashback di Natale, come ottenere il rimborso se non lo si è avuto tutto [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Sanremo parte con Fiorello vestito da Achille Lauro. Amadeus: l’ho fatto per il Paese che lotta [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Europa a due velocità, Milano (-0,8%) frenata da Atlantia [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Lotta al Covid, la cabina di regia passa a Palazzo Chigi [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Dalla Lombardia all’Emilia-Romagna, si allargano i lockdown locali trainati dalla variante inglese [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Auto, in Lombardia bonus esauriti in un giorno e mezzo [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Riforma del fisco, caccia alle agevolazioni «di dubbia giustificazione» [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »La nuova Gamestop ora è la Bank of Japan. I millennial traders puntano alla politica monetaria? [Posted on Monday March 01, 2021]  »Con il Covid scuola in presenza per il 50% dei giorni previsti. A Bari solo 48 su 107 [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Volvo cambia tutto: solo elettriche dal 2030 e vendite online [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Papa in Iraq, macchina blindata e folle limitate. L’incontro con l’ayatollah Al-Sistani [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Trabattoni (Generali Investments): «Risparmio, servono più agilità e sinergie» [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Mediaset, sul voto multiplo nuovo scontro con Vivendi [Posted on Tuesday March 02, 2021]  »Dagli store manager ai giovani stilisti: ecco chi assume nel lusso, nel retail e nella distribuzione [Posted on Monday March 01, 2021]  

Menu

polizze

Homepolizze
Homepolizze

Polizze assicurative, segnalati 3 siti internet irregolari

postato su Giugno 05, 2020 da Staff postato in Blog

ROMA - L’Ivass segnala 3 siti internet irregolari. La distribuzione di polizze assicurative tramite questi siti è irregolare.

Le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati.

Si tratta di:

L’Ivass raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea.

In particolare, l’Ivass consiglia ai consumatori di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati e di consultare sul sito www.ivass.it: gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenchi specifici per la r. c. auto, italiane ed estere); - il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea; - l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, Società non autorizzate e Siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione.

L’Ivass sottolinea, in particolare, che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o società, non iscritte negli elenchi sopra indicati.

I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell’Ivass al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 - 14.30.

Continua a leggere

Polizze RC auto e moto, ecco l'elenco dei siti irregolari

postato su Ottobre 04, 2019 da Staff postato in Blog

La distribuzione di polizze assicurative tramite i suddetti siti è irregolare.

Le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati.

I fatti sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria. L’IVASS raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea. In particolare, l’IVASS consiglia ai consumatori di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati e di consultare sul sito www.ivass.it:

  • gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenchi specifici per la r. c. auto, italiane ed estere)
  • il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea
  • l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, Società non autorizzate e Siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione

L’IVASS sottolinea, in particolare, che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o società, non iscritte negli elenchi sopra indicati. Comunicazione e Relazioni esterne e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel.: 06. 42133.452 I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell’IVASS al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 – 14.30. I siti internet o i profili Facebook (o di altri social network) degli intermediari italiani che svolgono attività on-line devono sempre indicare:

  1. i dati identificativi dell’intermediario;
  2. l’indirizzo della sede, il recapito telefonico, il numero di fax e l’indirizzo di posta elettronica certificata;
  3. il numero e la data di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi nonché l’indicazione che l’intermediario è soggetto al controllo dell’IVASS.

I siti o i profili Facebook (o di altri social network) che non contengono le informazioni sopra riportate non sono conformi alla disciplina in tema di intermediazione assicurativa ed espongono il consumatore al rischio di stipulazione di polizze contraffatte.

Per gli intermediari dello Spazio Economico Europeo (SEE) abilitatati ad operare in Italia il sito internet deve riportare, oltre ai dati identificativi, il numero di iscrizione nel Registro dello Stato membro di origine, l’indirizzo di posta elettronica, l’indicazione dell’eventuale sede secondaria e la dichiarazione di abilitazione all’esercizio dell’attività in Italia con l’indicazione dell’Autorità di vigilanza dello Stato membro di origine.

Continua a leggere