ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Pensionati-giovani, staffetta difficile [20-2-2019]  »Europa, c’è posto per 3,8 milioni di lavoratori: ecco le qualifiche più gettonate [20-2-2019]  »Presidenza Inps: chi è Tridico, il prof M5S anti-austerity [20-2-2019]  »Truffa diamanti, 700 milioni sequestrati a due società e 5 banche. Vasco Rossi tra le vittime [20-2-2019]  »Le agenzie di rating che servirebbero alla democrazia [20-2-2019]  »Industria in crisi, perché il governo non lo deve dimenticare [20-2-2019]  »Su Bankitalia niente falli da espulsione [20-2-2019]  »Auto, patente subito sospesa per chi guida con il cellulare in mano [20-2-2019]  »Piazza Affari al palo. Pesano le banche, bene gli industriali [20-2-2019]  »Ema condannata a Londra dovrà pagare l’intero affitto della sede fino al 2039 [20-2-2019]  »Giarrusso come Mourinho, breve storia del «gesto delle manette» [20-2-2019]  »Salvini: dopo voto Ue nessun gruppo unico M5S-Lega. Manovra bis esclusa [20-2-2019]  »Omicidio stradale, revoca della patente solo per alcol o droga  [20-2-2019]  »Moda, al via le sfilate di Milano. Dove Airbnb fa il pieno di affitti [20-2-2019]  »Praet (Bce): condizioni meno vantaggiose per i nuovi Tltro [20-2-2019]  »Corea del Nord, rimpatrio forzato per la figlia dell'ex ambasciatore a Roma [20-2-2019]  »Telecom, de Puyfontaine scrive a sindaci e Consob [20-2-2019]  »Frontex: in Italia sbarchi di migranti ai minimi dal 2012 [20-2-2019]  »Clima, Glencore mette un tetto alla produzione di carbone [20-2-2019]  »Tav, ecco il documento dei 18 professori che contesta l’analisi costi-benefici  [20-2-2019]  

Menu

Visualizza articoli per tag: motociclisti

HomeVisualizza articoli per tag: motociclisti
HomeVisualizza articoli per tag: motociclisti

Buone notizie per i motociclisti: cala il premio medio per le moto

postato su Novembre 05, 2017 da Marco De Leo postato in Blog

Su un campione di oltre 200mila preventivi effettuati tra il dicembre del 2016 e il marzo del 2017 per moto di cilindrata di almeno 100cc è emerso che il premio medio si è ridotto quasi del 10%.
Come anche per il mercato delle autovetture ci sono forti disparità lungo la nostra penisola, con alcune regioni che godono di prezzi nettamente più vantaggiosi rispetto ad altre: è il caso di Valle d’Aosta, Umbria e Piemonte che hanno subito sensibili sconti sul premio medio, al contrario di Campania e Molise che hanno visto una crescita del premio medio superiore al 5%.
In testa alla classifica del costo medio annuo più elevato svettano come spesso accade le regioni del meridione, capofila la Campania seguita a ruota da Calabria e Puglia. In coda alla classifica c’è il Trentino Alto Adige, insieme con Piemonte e Friuli Venezia Giulia.
Dati che evidenziano una frattura netta tra Nord e Sud Italia, gap che dall’economia si spande a macchia d’olio in tutti in tutti i settori della società. Una ferita da rimarginare il prima possibile.

Continua a leggere