ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Ecco come la criptovaluta di Facebook cambierà il sistema bancario globale [15-6-2019]  »Fca e Renault ci riprovano. Via a nuovi colloqui  [15-6-2019]  »Migranti, autorizzato sbarco di 10 persone dalla Sea Watch 3 [15-6-2019]  »Navigator, via alla selezione. Sui compiti spezzatino regionale  [15-6-2019]  »Più speranze e meno risentimenti [15-6-2019]  »Tra litigi e riforme flop, così il Csm è diventato ostaggio delle sue correnti [15-6-2019]  »Sentenza «Fantozzi»: il calcetto coi colleghi fa parte dell’orario di lavoro [15-6-2019]  »Addio a Franco Zeffirelli, maestro del gusto italiano [15-6-2019]  »Hormuz, venti di guerra Usa-Iran sulle rotte del petrolio [15-6-2019]  »Il piano Tria per evitare la procedura Ue: in due anni deficit giù di 8-10 miliardi [15-6-2019]  »5G, allarme di polizia e servizi: «Intercettazioni a rischio» [15-6-2019]  »Boom di ristoranti: +30mila in otto anni, crescita record a Siracusa [15-6-2019]  »Genova studia la candidatura all’Expo [15-6-2019]  »Carige, il gelo di Malacalza: «Il piano Apollo non mi pare un progetto industriale» [15-6-2019]  »I popolari spagnoli si alleano all’ultra destra e conquistano la città di Madrid [15-6-2019]  »Lunedì nero delle tasse: il 17 giugno si versano all'Erario 32,6 miliardi [15-6-2019]  »Borse, il grafico che svela perché la prossima bolla ora è più lontana [14-6-2019]  »Perché quando i tassi dei bond crollano, l’oro rialza la testa [15-6-2019]  »La casa 4.0? Punta su digitale, domotica, delivery room e terrazze per feste  [15-6-2019]  »Hong Kong, sospesa la legge sulle estradizioni in Cina [15-6-2019]  

Menu

Visualizza articoli per tag: moto

HomeVisualizza articoli per tag: moto
HomeVisualizza articoli per tag: moto

Buone notizie per i motociclisti: cala il premio medio per le moto

postato su Novembre 05, 2017 da Marco De Leo postato in Blog

Su un campione di oltre 200mila preventivi effettuati tra il dicembre del 2016 e il marzo del 2017 per moto di cilindrata di almeno 100cc è emerso che il premio medio si è ridotto quasi del 10%.
Come anche per il mercato delle autovetture ci sono forti disparità lungo la nostra penisola, con alcune regioni che godono di prezzi nettamente più vantaggiosi rispetto ad altre: è il caso di Valle d’Aosta, Umbria e Piemonte che hanno subito sensibili sconti sul premio medio, al contrario di Campania e Molise che hanno visto una crescita del premio medio superiore al 5%.
In testa alla classifica del costo medio annuo più elevato svettano come spesso accade le regioni del meridione, capofila la Campania seguita a ruota da Calabria e Puglia. In coda alla classifica c’è il Trentino Alto Adige, insieme con Piemonte e Friuli Venezia Giulia.
Dati che evidenziano una frattura netta tra Nord e Sud Italia, gap che dall’economia si spande a macchia d’olio in tutti in tutti i settori della società. Una ferita da rimarginare il prima possibile.

Continua a leggere