ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Emilia-Romagna, Bonaccini batte la leghista Borgonzoni: 51,4% a 43,7%. In Calabria vince Santelli [26-1-2020]  »Il coronavirus affonda le Borse, spread in netto calo dopo il voto in Emilia-Romagna [27-1-2020]  »Il crollo del Cinque Stelle, irrilevante in Emilia (e al governo) [27-1-2020]  »L’Emilia «rossa» ferma l’onda verde: Zingaretti si rafforza e rilancia l’asse con Conte [27-1-2020]  »Il virus cinese si rafforza: 80 morti, proroga di 3 giorni al Capodanno [27-1-2020]  »Lutto nel basket: Kobe Bryant morto in un incidente di elicottero in California. La figlia di 13 anni tra le 9 vittime [26-1-2020]  »Pd-Conte, parte la verifica per riequilibrare i pesi nella maggioranza [26-1-2020]  »Bonus acqua, cresce lo sconto in bolletta: ecco le novità del decreto fiscale [26-1-2020]  »Viaggio in Emilia Romagna, metà Ohio e metà California d’Italia [24-1-2020]  »Energia, via libera all’autoconsumo dei condomìni per tagliare la bolletta [21-1-2020]  »Da Satispay a Paypal: ok allo sconto fiscale per le spese pagate con le App [27-1-2020]  »Grammy, è l’anno di Billie Eilish: 5 statuine nella notte di Kobe Bryant [27-1-2020]  »Si sblocca la riforma dei dottorati in stand-by da oltre un anno [21-1-2020]  »La guerra Usa-Cina si sposta sulle valute digitali. E la Fed pensa al dollaro digitale [23-1-2020]  »Ex Ilva, il nodo del debito: 700 milioni di prestiti senza garanzia [25-1-2020]  »Comprare follower e like “falsi”? Costa pochi euro. E la legge lo consente [27-1-2020]  »Usa, dazi su acciaio e alluminio. La Ue non è nella lista degli esentati [26-1-2020]  »Retelit, non solo infrastrutture tlc: la sfida è sui servizi alle aziende [27-1-2020]  »Ipo in Borsa di Elisabetta Franchi, quando sono le donne a trascurare le donne nei cda [24-1-2020]  »Atlantia verso la scissione di Autostrade (per evitare la revoca delle concessioni) [24-1-2020]  

Menu

assicurazione

Homeassicurazione
Homeassicurazione

Polizza vita, i beneficiari sono protetti dalla privacy

postato su Maggio 10, 2018 da Staff postato in Blog

Una sentenza della Corte di Cassazione di qualche giorno fa ha stabilito che i beneficiari di una polizza vita stipulata da un parente defunto, sono protetti dalla privacy e dunque i familiari di ogni ordine e grado non sono nella condizione di ottenere informazioni dalla Compagnia e dai suoi intermediari con la quale è stato stipulato il contratto, che si possono legittimamente opporre alle loro richieste di informazioni.

Secondo la Corte, infatti, le informazioni relative ai beneficiari (persone terze) delle polizza vita stipulate dal del cuis, non rientrano tra quelle a cui hanno diritto di accesso gli eredi.

Il caso è stato posto dal Garante della Privacy contro l’ordine di un tribunale, rivolto ad una compagnia di assicurazione, di rivelare l’identità dei beneficiari di una polizza vita (che prevedeva un capitale caso morte) agli eredi del Contraente defunto.

La Cassazione ha accolto il ricorso, secondo cui la comunicazione del dato riservato (in questo caso l’identità del beneficiario) lede la privacy del beneficiario stesso e non è consona alla tutela dei diritti dell’erede, e nella sentenza ha evidenziato che gli eredi hanno diritto di accesso ai dati personali del familiare deceduto, ma non a quelli relativi a soggetti terzi beneficiari di contratti stipulati dal de cuis, che ne caso in questione acquistano un diritto proprio ai vantaggi della polizza.

Questa sentenza, di fatto, stravolge il diritto degli eredi ad ottenere la cosiddetta legittima e d fatto apre una possibilità di aggirare la norme stabilite da Codice Civile in materia di successioni, impedendo agli eredi la possibilità di conoscere il soggetto da convenire in giudizio (il soggetto terzo beneficiario della polizza)  con l’azione di riduzione delle donazione che si è realizzata attraverso la stipula della polizza di assicurazione sulla vita

Continua a leggere

Vettel contro Hamilton: nella realtà chi avrebbe torto per il tamponamento?

postato su Giugno 26, 2017 da Marco De Leo postato in Blog

Vettel contro Hamilton, Ferrari contro Mercedes, sarà questo il grande duello del la stagione 2017 di Formula 1. Ieri a Baku, in Azerbaijan, è andato in scena un gran premio fuori dall’ordinario, ricco di colpi di scena e di polemiche come solo i gp cittadini sanno regalare. Protagonisti assoluti di scontri e polemiche sono stati, manco a dirlo, Vettel e Hamilton, con il tedesco reo di aver  tamponato il pilota inglese in regime di safety car. Seb ha attaccato apertamente Lewis colpevole di aver ripetutamente frenato anche quando non vi era necessità di farlo, mettendo così in pericolo gara e incolumità dei piloti che lo seguivano. Dal canto suo l’inglese si è molto risentito per la reazione del tedesco che lo ha prima affiancato, insultandolo, e poi colpito sulle ruote. La direzione di gara ha punito con 10 secondi di penalità il ferrarista, ma la rimostranze del pilota di Heppenheim sono proseguite, sostenute anche dalle dichiarazioni al vetriolo del direttore della Scuderia Ferrari, Maurizio Arrivabene.

Il duello rusticano ha senz’altro scaldato i cuori dei tifosi di F1, ma se fosse successo nella realtà come sarebbero andate veramente le cose?

Continua a leggere