ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Brexit, anche Macron apre a Johnson: sì a intesa sul «backstop» in un mese [22-8-2019]  »Dagli Uffizi alla Galleria Borghese: dal 1° ottobre cancellati i Cda [22-8-2019]  »Su Ilva e Alitalia distanze siderali tra 5 Stelle e Pd [22-8-2019]  »Laboratorio Lazio, dove Pd e M5S collaborano da sponde opposte [22-8-2019]  »Bce, più tempo alle banche per coprire i crediti deteriorati [22-8-2019]  »Mediaset presenta esposto Consob contro Vivendi: «Deprime il titolo» [22-8-2019]  »Corea del Sud: stop al patto col Giappone sull’intelligence [22-8-2019]  »Samp ceduta a Vialli & friends, firmata lettera di intenti [22-8-2019]  »L’hashtag compie 12 anni: ecco quelli più utilizzati in Italia [22-8-2019]  »Libra sfida le Banche centrali e la Ue: depositato lo statuto a Ginevra [22-8-2019]  »I paletti del Pd all’intesa con M5S: taglio parlamentari solo con nuova legge elettorale [22-8-2019]  »Controesodo 2019, come sopravvivere a traffico, scioperi e Tutor [22-8-2019]  »Piazza Affari avanza banche e Tim, Wall Street in rialzo [22-8-2019]  »Venezia, le grandi navi da crociera andranno a Marghera [22-8-2019]  »Trump contro la Fed alla vigilia del forum di Jackson Hole: è un problema [21-8-2019]  »Genova, Toninelli supera l’analisi costi-benefici sulla Gronda: «Si farà» [21-8-2019]  »Lega-M5S, 2 diverse idee di popolo: così è fallito il laboratorio sovranista d’Europa [21-8-2019]  »Banche: parte l’operazione indennizzi per 200mila risparmiatori [21-8-2019]  »Amazzonia in fiamme, Bolsonaro dà la colpa alle Ong e dice: «Non abbiamo i fondi» [21-8-2019]  »Pd-M5S: i nomi in lizza per toto-premier e squadra [21-8-2019]  

Menu

Visualizza articoli per tag: Vita

HomeVisualizza articoli per tag: Vita
HomeVisualizza articoli per tag: Vita

Polizza vita, i beneficiari sono protetti dalla privacy

postato su Maggio 10, 2018 da Staff postato in Blog

Una sentenza della Corte di Cassazione di qualche giorno fa ha stabilito che i beneficiari di una polizza vita stipulata da un parente defunto, sono protetti dalla privacy e dunque i familiari di ogni ordine e grado non sono nella condizione di ottenere informazioni dalla Compagnia e dai suoi intermediari con la quale è stato stipulato il contratto, che si possono legittimamente opporre alle loro richieste di informazioni.

Secondo la Corte, infatti, le informazioni relative ai beneficiari (persone terze) delle polizza vita stipulate dal del cuis, non rientrano tra quelle a cui hanno diritto di accesso gli eredi.

Il caso è stato posto dal Garante della Privacy contro l’ordine di un tribunale, rivolto ad una compagnia di assicurazione, di rivelare l’identità dei beneficiari di una polizza vita (che prevedeva un capitale caso morte) agli eredi del Contraente defunto.

La Cassazione ha accolto il ricorso, secondo cui la comunicazione del dato riservato (in questo caso l’identità del beneficiario) lede la privacy del beneficiario stesso e non è consona alla tutela dei diritti dell’erede, e nella sentenza ha evidenziato che gli eredi hanno diritto di accesso ai dati personali del familiare deceduto, ma non a quelli relativi a soggetti terzi beneficiari di contratti stipulati dal de cuis, che ne caso in questione acquistano un diritto proprio ai vantaggi della polizza.

Questa sentenza, di fatto, stravolge il diritto degli eredi ad ottenere la cosiddetta legittima e d fatto apre una possibilità di aggirare la norme stabilite da Codice Civile in materia di successioni, impedendo agli eredi la possibilità di conoscere il soggetto da convenire in giudizio (il soggetto terzo beneficiario della polizza)  con l’azione di riduzione delle donazione che si è realizzata attraverso la stipula della polizza di assicurazione sulla vita

Continua a leggere