ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Il sito in tilt, le proteste e l’imbarazzo di Tridico: la giornata terribile dell’Inps [1-4-2020]  »Coronavirus, ultime notizie: in Italia 110.574 casi totali (+4,52%), 13.155 morti (+5,85%) [1-4-2020]  »Coronavirus: chiusura fino al 13 aprile. Stretta sullo sport. Conte: Conte: «Se allentiamo ora, sforzi vani» [1-4-2020]  »L’allarme di Trump sul virus spaventa le Borse: -3% Piazza Affari, peggio Wall Street [1-4-2020]  »Coronavirus ultime notizie mondo. Superati i 900mila contagi, 200mila negli Usa: morto neonato. Oms, tracciare anche asintomatici. [1-4-2020]  »Auto, crollo dell’85,4% sul mercato italiano per colpa del Covid-19 [1-4-2020]  »Coronavirus, si può fare una passeggiata con i bambini e gli anziani. Ecco a quali condizioni [31-3-2020]  »Coronavirus, Governo pronto a varare altro deficit per 1-1,5 punti di Pil [1-4-2020]  »Se si torna in classe entro metà maggio l’esame di maturità è salvo [1-4-2020]  »Coronavirus, tutto quello che c’è da sapere - La mappa dei contagi - Podcast / Start, 3 notizie al giorno - Il tempo del virus, letture settimanali [20-3-2020]  »Coronavirus, l’Antitrust mette in freezer multe per 324 milioni [1-4-2020]  »Mutui, dopo 2.134 giorni di letargo i tassi tornano a salire [31-3-2020]  »Tirrenia, ripartono i traghetti dopo l’accordo Cin-commissari [1-4-2020]  »Rete tlc e regole sull’App per i contagiati: pieni poteri ad Agcom e Privacy [1-4-2020]  »Coronavirus, attacco hacker allo Spallanzani di Roma. Indaga la Procura [1-4-2020]  »Profumo: le Fondazioni reggono anche con lo stop cedole, ma serve una revisione della fiscalità [31-3-2020]  »Battisti: il 2019 è l’anno migliore della storia del gruppo Fs Italiane [31-3-2020]  »Non solo tamponi. Caccia al virus tra screening di massa e test per i lavoratori [31-3-2020]  

Menu

Rc auto

HomeRc auto
HomeRc auto

Polizze RC auto e moto, ecco l'elenco dei siti irregolari

postato su Ottobre 04, 2019 da Staff postato in Blog

La distribuzione di polizze assicurative tramite i suddetti siti è irregolare.

Le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati.

I fatti sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria. L’IVASS raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea. In particolare, l’IVASS consiglia ai consumatori di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati e di consultare sul sito www.ivass.it:

  • gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenchi specifici per la r. c. auto, italiane ed estere)
  • il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea
  • l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, Società non autorizzate e Siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione

L’IVASS sottolinea, in particolare, che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o società, non iscritte negli elenchi sopra indicati. Comunicazione e Relazioni esterne e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel.: 06. 42133.452 I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell’IVASS al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 – 14.30. I siti internet o i profili Facebook (o di altri social network) degli intermediari italiani che svolgono attività on-line devono sempre indicare:

  1. i dati identificativi dell’intermediario;
  2. l’indirizzo della sede, il recapito telefonico, il numero di fax e l’indirizzo di posta elettronica certificata;
  3. il numero e la data di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi nonché l’indicazione che l’intermediario è soggetto al controllo dell’IVASS.

I siti o i profili Facebook (o di altri social network) che non contengono le informazioni sopra riportate non sono conformi alla disciplina in tema di intermediazione assicurativa ed espongono il consumatore al rischio di stipulazione di polizze contraffatte.

Per gli intermediari dello Spazio Economico Europeo (SEE) abilitatati ad operare in Italia il sito internet deve riportare, oltre ai dati identificativi, il numero di iscrizione nel Registro dello Stato membro di origine, l’indirizzo di posta elettronica, l’indicazione dell’eventuale sede secondaria e la dichiarazione di abilitazione all’esercizio dell’attività in Italia con l’indicazione dell’Autorità di vigilanza dello Stato membro di origine.

Continua a leggere

Pubblicato il report di Fitch Ratings sul settore assicurativo italiano

postato su Gennaio 12, 2017 da Marco De Leo postato in Blog

Fitch Ratings ha pubblicato il report sul settore assicurativo italiano sottolineandone la stabilità dell’outlook per il 2017. Secondo l’agenzia di rating internazionale i rendimenti bassi degli investimenti (causati dagli esigui ritorni dal reddito fisso), spingeranno le compagnie assicurative a puntare sugli utili derivanti dall’attività tecnica.

Continua a leggere