ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Aiuti «contro l’ambiente»: dal gasolio alla corrente, ecco che cosa diventerà più caro [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Coronavirus, ultimi dati: 1.640 nuovi contagi su oltre 103mila tamponi, 20 vittime [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Bonus per i televisori a rilento. Rischi sul passaggio alla seconda fase del digitale [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Superbonus 110%, su internet pioggia di offerte «tutto gratis». Ma per l’affare non basta un clic [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Smart working dal 16 ottobre, come cambiano le regole per la quarantena dei figli [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Borse europee frenano sul finale: Piazza Affari si salva (+0,2%) ma crollano le banche. Male Wall Street [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Caso Diasorin, la Gdf copia il cellullare del governatore Fontana [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Stadi, aumenta la capienza: mille tifosi per ogni settore ma senza striscioni [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Migranti, il piano di riforma della Ue: ricollocamento o «rimpatrio sponsorizzato» [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Tutti contro Crimi «il temporeggiatore»: le correnti M5S invocano il congresso subito [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Tesla, in tre anni una vettura elettrica a 25mila dollari. E batterie super-potenti. Mercato deluso: titolo giù [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Università: Bocconi e Politecnico di Milano nella top 10 mondiale dei master [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »La Germania non bada a spese: nella maxi-manovra nuovo debito per 96 miliardi nel 2021 [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Regionali, le elette sono appena il 23%. Hermanin (+Europa): «Donne rimosse dalla politica» [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Morta Juliette Greco, voce della Parigi esistenzialista [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Fincantieri avvia la costruzione di Zeus, nave sperimentale a zero emissioni [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Facebook prova a far pace con gli inserzionisti: ecco il primo accordo [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Covid-19, gli asintomatici hanno la stessa carica virale di chi ha sintomi lievi [Posted on Wednesday September 23, 2020]  »Mense aziendali addio: il futuro è lo smart locker, un frigo per gli ordini dei lavoratori [Posted on Wednesday September 23, 2020]  

Menu

Assicurazioni RC auto

HomeAssicurazioni RC auto
HomeAssicurazioni RC auto

Nuove truffe sull'RC Auto: i consigli dell'IVASS

postato su Marzo 09, 2017 da Marco De Leo postato in Blog

IVASS interviene ancora una volta a difesa dei consumatori contro le polizze RC Auto temporanee false. Queste polizze vengono messe in vendita online da siti truffaldini che propongono polizze brevi a prezzi vantaggiosi. Le polizze possono andare da qualche giorno ad alcuni mesi, utili per tutte quelle persone che usano l’automobile per brevi periodi di tempo o per coloro che devono ritirare la nuova vettura per farla immatricolare. Questi portali web hanno due modi di agire: nel primo caso rubano il nome di imprese esistenti e regolari o il nome di intermediari iscritti al RUI, nel secondo caso creano nomi di imprese assicurative fittizie. L’IVASS ha reso noto i siti internet irregolari denunciati alla Polizia Postale:


•    assitempo.it  
•    contibroker.it
•    assicurazionibrevi.it
•    studiobovio.com
•    assipuntodrive.com
•    galloassicurazioni.com


I segnali d’allarme che l’IVASS invita gli utenti a tenere d’occhio sono i seguenti:


•    Assenza dei dati identificativi dell’intermediario assicurativo.
•    Mancanza dei dati che fanno riferimento alla sede, ai recapiti telefonici e postali, numero e data di iscrizione al RUI, l’indicazione che l’intermediario è soggetto al controllo dell’IVASS.
•    Presenza del sito nell’Elenco dei siti web irregolari pubblicato dall’IVASS.
•    Assenza sul sito del nome dell’impresa assicurativa che emette la polizza.
•    Mancanza dell’indicazione annesso deve essere indicata dell’eventuale sede secondaria e il possesso dell’abilitazione all’esercizio dell’attività in Italia, con indicazione dell’Autorità di vigilanza dello Stato membro d’origine per gli intermediari UE iscritti nell’Elenco.
•    Nome di un’impresa di assicurazione non presente nell’Elenco delle imprese italiane né nell’Elenco delle imprese estere ammesse ad operare nella Rc Auto.


L’IVASS aggiunge che “si rischia di cadere nella rete, perdendo soldi ed esponendosi al rischio di guidare senza copertura, di vedersi sequestrare il veicolo o ritirare la patente o di essere esposti a richieste in caso di sinistro”. L’IVASS raccomanda inoltre di fare estrema attenzione “perché un semplice errore, anche minimo o apparentemente casuale, potrebbe nascondere un imbroglio”. È sempre raccomandabile, quindi, controllare la corrispondenza dei dati di un’impresa sul RUI o sull’Elenco ufficiale perché i dati, pur presenti nell’elenco in quanto appartenenti a soggetti regolari, potrebbero essere stati rubati dai siti-truffa. Per informazioni sulle Imprese assicurative e necessità legate alla stipula di polizze RC Auto l’IVASS invita a rivolgersi al proprio Contact Center, raggiungibile al seguente link:
https://www.ivass.it/consumatori/contact-center/index.html

 

Continua a leggere