ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Industria, il taglio del cuneo premia operai e impiegati [21-1-2020]  »Bollette, come risolvere le controversie su luce, gas e acqua (senza giudice) [21-1-2020]  »Borsa, ecco perché il 2020 potrebbe essere l’anno dei titoli ciclici [21-1-2020]  »Trump e Greta si sfidano a Davos: «Non si è fatto nulla per il clima». «Basta profeti di sventura» [21-1-2020]  »Ex-Ilva: con disimpegno Mittal impatto su Pil di 3,5 miliardi [21-1-2020]  »Virus polmonare, sesta morte in Cina. Oggi riunione d’urgenza all’Oms [21-1-2020]  »Borse in rosso, pesano i timori sul virus in Cina. Vendite sui titoli del lusso [21-1-2020]  »Rischi globali, perché il «cigno verde» potrebbe essere peggiore del «cigno nero» [20-1-2020]  »Crisi Libia, Mattarella: «Non si può prendere il potere con le armi» [21-1-2020]  »Libia, stop al petrolio per il ricatto di Haftar [21-1-2020]  »Disney all’assalto di Netflix & Co: il 24 marzo il debutto in Italia [21-1-2020]  »Figli fuori dal matrimonio, il padre deve dare il cognome anche se non vuole [21-1-2020]  »Sanremo, Salvini e Pinguini Tattici Nucleari: quando la polemica è strumentale [21-1-2020]  »I 200mila camion che portano in giro i rifiuti delle Regioni incapaci di smaltire [21-1-2020]  »Detto e contraddetto: Salvini e il caso Gregoretti [21-1-2020]  »Basta carte di credito e smartphone: con Amazon si pagherà con la mano [20-1-2020]  »Pop. Bari: via libera della Camera al decreto, passa al Senato [21-1-2020]  »Regionali Emilia Romagna, faccia a faccia in tv Borgonzoni-Bonaccini: scintille sulla sanità [21-1-2020]  »Fmi, nel 2020 ripresina in vista (+3,3%) per l’economia globale. Meno timori per la Brexit [20-1-2020]  »Al via la Carta famiglia per i nuclei numerosi in attesa dell’assegno universale [20-1-2020]  

Menu

paradiso fiscale

HomeBlogparadiso fiscale
HomeBlogparadiso fiscale

Il Parlamento russo trasforma la Crimea in un paradiso fiscale

postato su Maggio 03, 2017 da Marco De Leo postato in Blog

C’è aria di grandi novità in Russia, dove il Parlamento sta per varare una riforma che stravolgerà il settore finanziario e assicurativo. La Crimea diventerà a breve un paradiso fiscale off-shore, nel quale compagnie di assicurazione, banche estere, fondi pensione e società di intermediazione potranno operare senza alcun obbligo di licenza. Sarà inoltre garantito l’anonimato ai fondi fiduciari che investiranno in Crimea, che così si trasformerà in una “zona di transito internazionale”.

Continua a leggere