ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Coronavirus: pochi controlli negli Usa, Trump si prepara al peggio [26-2-2020]  »Coronavirus, 11 vittime e 322 contagi in Italia. Conte: inaccettabili limitazioni dei viaggi all’estero [26-2-2020]  »Coronavirus, la prevenzione degli altri Paesi Ue era migliore della nostra? [26-2-2020]  »Fuorisalone, che giro d’affari produce per Milano [25-2-2020]  »Per l’Italia il pericolo recessione. Conte: sul Pil rischio fortissimo [25-2-2020]  »Coronavirus: le regole sanitarie per tutti gli italiani [25-2-2020]  »Coronavirus, «incentivi» allo smart working in tutto il Nord. Ma per ristorazione e pulizie rischio ferie forzate [25-2-2020]  »Coronavirus: ecco le scuole che fanno lezione a distanza [25-2-2020]  »Laurea, riscatto light al test convenienza [26-2-2020]  »Come ha fatto Baranzate a diventare «capitale» dell’auto elettrica [25-2-2020]  »Bonus casa: tutti gli sconti per rinnovare casa e condominio [25-2-2020]  »Petrolio, virus e Libia complicano le scelte dell’Opec Plus [26-2-2020]  »Rottamazione-ter, entro il 28 febbraio oltre un milione di contribuenti alla cassa [24-2-2020]  »5G, ecco perché la burocrazia rischia di farci perdere miliardi di euro [25-2-2020]  »Le cinque serie tv da non perdere a marzo. Su tutte Westworld e Amazing Stories [25-2-2020]  »Fiat Panda compie 40 anni: la citycar da quasi 8 milioni di esemplari [25-2-2020]  »Alfa Romeo GTA, rumors online di una Giulia da 600 cavalli [24-2-2020]  »Francesco Totti Spa: i segreti del capitano che in affari non fa gol come in campo [17-2-2020]  »Cosa farà il fondo miliardario di Bezos per sconfiggere il climate change [25-2-2020]  »La mia settimana senza contanti. In Italia si può vivere cashless? [21-2-2020]  

Menu

moto

HomeBlogmoto
HomeBlogmoto

Buone notizie per i motociclisti: cala il premio medio per le moto

postato su Novembre 05, 2017 da Marco De Leo postato in Blog

Su un campione di oltre 200mila preventivi effettuati tra il dicembre del 2016 e il marzo del 2017 per moto di cilindrata di almeno 100cc è emerso che il premio medio si è ridotto quasi del 10%.
Come anche per il mercato delle autovetture ci sono forti disparità lungo la nostra penisola, con alcune regioni che godono di prezzi nettamente più vantaggiosi rispetto ad altre: è il caso di Valle d’Aosta, Umbria e Piemonte che hanno subito sensibili sconti sul premio medio, al contrario di Campania e Molise che hanno visto una crescita del premio medio superiore al 5%.
In testa alla classifica del costo medio annuo più elevato svettano come spesso accade le regioni del meridione, capofila la Campania seguita a ruota da Calabria e Puglia. In coda alla classifica c’è il Trentino Alto Adige, insieme con Piemonte e Friuli Venezia Giulia.
Dati che evidenziano una frattura netta tra Nord e Sud Italia, gap che dall’economia si spande a macchia d’olio in tutti in tutti i settori della società. Una ferita da rimarginare il prima possibile.

Continua a leggere