ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Climate change, Greta all’Onu: «Siamo inarrestabili» [21-9-2019]  »Bce, il nuovo «bazooka» di Lagarde è contro il climate change [21-9-2019]  »Come si informano i politici? Tra i tg vince Sky, ma la maggioranza M5S-Pd sceglie Mentana [21-9-2019]  »Eni punta sul Medio Oriente con un piano da 4,3 miliardi [21-9-2019]  »L’eredità di Tria: un piano di tagli da 6-7 miliardi [21-9-2019]  »La Fed insiste, iniezioni di liquidità fino al 10 ottobre [21-9-2019]  »Michelin farà ad Alessandria le gomme che abbattono i consumi [21-9-2019]  »Braccio di ferro M5S-Pd sul taglio dei parlamentari: mercoledì il verdetto sui tempi [21-9-2019]  »Parigi, scontri tra polizia e gilet gialli. 90 fermi [21-9-2019]  »Così il computer quantistico di Google esegue calcoli da 10mila anni in 3 minuti [21-9-2019]  »Studi di settore, ecco perché il Fisco può ancora usarli per i controlli [21-9-2019]  »Chi è Francesca Di Maolo, la candidata in Umbria su cui trattano M5S e Pd [21-9-2019]  »Rigassificatore Olt: Iren cede a Snam il 49% dell’impianto [21-9-2019]  »Conti correnti, perché la spesa si è impennata nel 2018 [21-9-2019]  »Soave, inaugurata la Cantina più grande d’Europa. Progetto da 80 milioni di bottiglie all’anno [21-9-2019]  »Trump invia truppe Usa in Arabia Saudita [21-9-2019]  »L’etilometro non revisionato rende sempre nullo il test [21-9-2019]  »Carige salva: per il sistema bancario italiano emergenza alle spalle [21-9-2019]  »Mercati, cambio di rotta a settembre: si vendono bond e si comprano azioni [21-9-2019]  »UniCredit, Cesare Bisoni nominato presidente [20-9-2019]  

Menu

Ivass: reclami in flessione nel 2016, ma il settore auto resta un problema

HomeBlogIvass: reclami in flessione nel 2016, ma il settore auto resta un problema
HomeBlogIvass: reclami in flessione nel 2016, ma il settore auto resta un problema
Venerdì, 28 Aprile 2017 10:03

Ivass: reclami in flessione nel 2016, ma il settore auto resta un problema

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
L’Ivass ha pubblicato il numero dei reclami che riguardano le compagnie assicurative italiane per il 2016: i dati mostrano una flessione dell’1,7% rispetto all’anno precedente, attestandosi a quota 105 mila.
A questa cifra vanno poi aggiunti gli oltre 15 mila reclami sopraggiunti a compagnie assicurative europee operanti nel nostro paese in regime di stabilimento o in libera prestazione di servizi. Le cifre nel loro complesso sono positive, ma vanno bene interpretate perché quasi un reclamo su due riguarda il settore delle polizze Rc Auto, da sempre terreno di scontro tra assicurati e assicuratori. Questo 46% fa quindi riflettere ed invita una volta di più ad accelerare il cambiamento delle polizze RC Auto, allo scopo di migliorare sempre più la soddisfazione dei clienti ed evitare lunghe diatribe legali. Proprio per questi motivi in Ivass ritengono questi dati estremamente importanti sia per una migliore comprensione del mercato italiano, sia come “uno strumento essenziale per  individuare disfunzioni di processo e di prodotto e guidare le conseguenti azioni di vigilanza a tutela dei consumatori”.
Letto 847 volte