ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Climate change, Greta all’Onu: «Siamo inarrestabili» [21-9-2019]  »Bce, il nuovo «bazooka» di Lagarde è contro il climate change [21-9-2019]  »Come si informano i politici? Tra i tg vince Sky, ma la maggioranza M5S-Pd sceglie Mentana [21-9-2019]  »Eni punta sul Medio Oriente con un piano da 4,3 miliardi [21-9-2019]  »L’eredità di Tria: un piano di tagli da 6-7 miliardi [21-9-2019]  »La Fed insiste, iniezioni di liquidità fino al 10 ottobre [21-9-2019]  »Michelin farà ad Alessandria le gomme che abbattono i consumi [21-9-2019]  »Braccio di ferro M5S-Pd sul taglio dei parlamentari: mercoledì il verdetto sui tempi [21-9-2019]  »Parigi, scontri tra polizia e gilet gialli. 90 fermi [21-9-2019]  »Così il computer quantistico di Google esegue calcoli da 10mila anni in 3 minuti [21-9-2019]  »Studi di settore, ecco perché il Fisco può ancora usarli per i controlli [21-9-2019]  »Chi è Francesca Di Maolo, la candidata in Umbria su cui trattano M5S e Pd [21-9-2019]  »Rigassificatore Olt: Iren cede a Snam il 49% dell’impianto [21-9-2019]  »Conti correnti, perché la spesa si è impennata nel 2018 [21-9-2019]  »Soave, inaugurata la Cantina più grande d’Europa. Progetto da 80 milioni di bottiglie all’anno [21-9-2019]  »Trump invia truppe Usa in Arabia Saudita [21-9-2019]  »L’etilometro non revisionato rende sempre nullo il test [21-9-2019]  »Carige salva: per il sistema bancario italiano emergenza alle spalle [21-9-2019]  »Mercati, cambio di rotta a settembre: si vendono bond e si comprano azioni [21-9-2019]  »UniCredit, Cesare Bisoni nominato presidente [20-9-2019]  

Menu

IVASS: prezzi delle Rc Auto stabili nel 2016

HomeBlogIVASS: prezzi delle Rc Auto stabili nel 2016
HomeBlogIVASS: prezzi delle Rc Auto stabili nel 2016
Venerdì, 07 Aprile 2017 15:14

IVASS: prezzi delle Rc Auto stabili nel 2016

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
L’IVASS ha pubblicato le statistiche riguardanti l’importo dei premi pagati nel settore RC Auto nel quarto trimestre del 2016 .

I dati che emergono mostrano una stabilizzazione rispetto a quanto hanno mostrato i trend degli ultimi anni: il premio medio si attesta intorno ai 420 euro, mentre il 50% degli assicurati paga meno di 380 euro. Considerati i dati del terzo trimestre del 2016 il dato complessivo per gli ultimi sei mesi dello scorso anno ha fatto registrare un -0,2%, dato incoraggiante rispetto al -2,4% dello stesso periodo del 2015, e da inserire nel complessivo miglioramento del settore che è passato dal -7,6% del 2015 al -4,4% del 2016.
I prezzi tuttavia hanno toccato cifre molto elevate in Calabria, Campania (specialmente a Crotone, Reggio, Vibo Valentia, Caserta e Napoli) e Toscana (Massa, Pistoia e Prato). Lo scarto medio tra le provincie più costose e quelle meno care ha continuato a scendere, arrivando a toccare i 330 euro di differenziale tra la salata Napoli e Oristano, decisamente più economica. Nello stesso periodo di tre anni fa il differenziale toccava i 500 euro, piccoli passi in avanti. Possibile spiegazione per questa decrescita costante è l’utilizzo sempre maggiore della scatola nera a bordo dei veicoli specialmente nelle regioni meridionali: nel quarto trimestre il 19% delle polizze includeva l’utilizzo della scatola nera (il 3,3% su base annua). Ad esempio nelle città più care come Napoli e Caserta la quota delle scatole nere ha superato il 50%, e numeri simili, seppur leggermente inferiori, li fanno registrare anche altre provincie di Calabria, Puglia e Sicilia, ma il numero è in forte crescita in tutta la nostra Penisola.
Letto 841 volte