ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Brexit, anche Macron apre a Johnson: sì a intesa sul «backstop» in un mese [22-8-2019]  »Dagli Uffizi alla Galleria Borghese: dal 1° ottobre cancellati i Cda [22-8-2019]  »Su Ilva e Alitalia distanze siderali tra 5 Stelle e Pd [22-8-2019]  »Laboratorio Lazio, dove Pd e M5S collaborano da sponde opposte [22-8-2019]  »Bce, più tempo alle banche per coprire i crediti deteriorati [22-8-2019]  »Mediaset presenta esposto Consob contro Vivendi: «Deprime il titolo» [22-8-2019]  »Corea del Sud: stop al patto col Giappone sull’intelligence [22-8-2019]  »Samp ceduta a Vialli & friends, firmata lettera di intenti [22-8-2019]  »L’hashtag compie 12 anni: ecco quelli più utilizzati in Italia [22-8-2019]  »Libra sfida le Banche centrali e la Ue: depositato lo statuto a Ginevra [22-8-2019]  »I paletti del Pd all’intesa con M5S: taglio parlamentari solo con nuova legge elettorale [22-8-2019]  »Controesodo 2019, come sopravvivere a traffico, scioperi e Tutor [22-8-2019]  »Piazza Affari avanza banche e Tim, Wall Street in rialzo [22-8-2019]  »Venezia, le grandi navi da crociera andranno a Marghera [22-8-2019]  »Trump contro la Fed alla vigilia del forum di Jackson Hole: è un problema [21-8-2019]  »Genova, Toninelli supera l’analisi costi-benefici sulla Gronda: «Si farà» [21-8-2019]  »Lega-M5S, 2 diverse idee di popolo: così è fallito il laboratorio sovranista d’Europa [21-8-2019]  »Banche: parte l’operazione indennizzi per 200mila risparmiatori [21-8-2019]  »Amazzonia in fiamme, Bolsonaro dà la colpa alle Ong e dice: «Non abbiamo i fondi» [21-8-2019]  »Pd-M5S: i nomi in lizza per toto-premier e squadra [21-8-2019]  

Menu

Il Parlamento russo trasforma la Crimea in un paradiso fiscale

HomeBlogIl Parlamento russo trasforma la Crimea in un paradiso fiscale
HomeBlogIl Parlamento russo trasforma la Crimea in un paradiso fiscale
Mercoledì, 03 Maggio 2017 10:52

Il Parlamento russo trasforma la Crimea in un paradiso fiscale

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
C’è aria di grandi novità in Russia, dove il Parlamento sta per varare una riforma che stravolgerà il settore finanziario e assicurativo. La Crimea diventerà a breve un paradiso fiscale off-shore, nel quale compagnie di assicurazione, banche estere, fondi pensione e società di intermediazione potranno operare senza alcun obbligo di licenza. Sarà inoltre garantito l’anonimato ai fondi fiduciari che investiranno in Crimea, che così si trasformerà in una “zona di transito internazionale”.
Letto 813 volte