ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Concerti, il governo americano prepara un’azione legale contro Live Nation [13-12-2019]  »iPhone, Xiaomi, OnePlus: ecco i migliori smartphone del 2019 [13-12-2019]  »Voto di scambio con la ’ndrangheta: indagato il governatore della Valle d’Aosta Fosson [13-12-2019]  »Gli italiani non vogliono più il gasolio. Ecco le cifre del crollo [13-12-2019]  »Atlantia sospende il pagamento della buonuscita a Castellucci [13-12-2019]  »Popolare Bari commissariata, verso un salvataggio con Mediocredito. Governo spaccato [13-12-2019]  »La Cina conferma la tregua commerciale con gli Usa: via alla «fase-uno» [13-12-2019]  »Utili Ferrero a +9%. Il fatturato italiano supera i 2,4 miliardi. Salomone nuovo presidente [13-12-2019]  »Monopattini elettrici, guerra di emendamenti. Ecco cosa c’è dietro [13-12-2019]  »Bankitalia alza Pil 2019 a +0,2%, rischi per crescita da volatilità mercati [13-12-2019]  »Fondi premiali agli atenei, vincono Venezia e Milano [13-12-2019]  »Le “sardine” piacciono anche in Vaticano. Aspettando la Cei [13-12-2019]  »Scozia e Irlanda del Nord: due mine sull’unità della Gran Bretagna [13-12-2019]  »Lavori in casa, per lo sconto in fattura c’è ancora la chance di Natale [13-12-2019]  »Biotestamento, lo conosce bene solo un italiano su cinque [13-12-2019]  »Per l’industria ricavi fermi, corrono solo i farmaci [13-12-2019]  »Ambiente, ok dei governi al Green Deal Ue ma la Polonia non ci sta [13-12-2019]  »Ex Ilva, che cosa dice l’ordine di spegnimento del giudice [13-12-2019]  »Record senza fine per il palladio: nemmeno l’oro è mai stato così caro [13-12-2019]  »Londra la miglior Borsa europea nella settimana dei Tory. Forte calo dello spread [13-12-2019]  

Menu

Marzo 2017

HomeBlogMarzo 2017
HomeBlogMarzo 2017

Nuove truffe sull'RC Auto: i consigli dell'IVASS

postato su Marzo 09, 2017 da Marco De Leo postato in Blog

IVASS interviene ancora una volta a difesa dei consumatori contro le polizze RC Auto temporanee false. Queste polizze vengono messe in vendita online da siti truffaldini che propongono polizze brevi a prezzi vantaggiosi. Le polizze possono andare da qualche giorno ad alcuni mesi, utili per tutte quelle persone che usano l’automobile per brevi periodi di tempo o per coloro che devono ritirare la nuova vettura per farla immatricolare. Questi portali web hanno due modi di agire: nel primo caso rubano il nome di imprese esistenti e regolari o il nome di intermediari iscritti al RUI, nel secondo caso creano nomi di imprese assicurative fittizie. L’IVASS ha reso noto i siti internet irregolari denunciati alla Polizia Postale:


•    assitempo.it  
•    contibroker.it
•    assicurazionibrevi.it
•    studiobovio.com
•    assipuntodrive.com
•    galloassicurazioni.com


I segnali d’allarme che l’IVASS invita gli utenti a tenere d’occhio sono i seguenti:


•    Assenza dei dati identificativi dell’intermediario assicurativo.
•    Mancanza dei dati che fanno riferimento alla sede, ai recapiti telefonici e postali, numero e data di iscrizione al RUI, l’indicazione che l’intermediario è soggetto al controllo dell’IVASS.
•    Presenza del sito nell’Elenco dei siti web irregolari pubblicato dall’IVASS.
•    Assenza sul sito del nome dell’impresa assicurativa che emette la polizza.
•    Mancanza dell’indicazione annesso deve essere indicata dell’eventuale sede secondaria e il possesso dell’abilitazione all’esercizio dell’attività in Italia, con indicazione dell’Autorità di vigilanza dello Stato membro d’origine per gli intermediari UE iscritti nell’Elenco.
•    Nome di un’impresa di assicurazione non presente nell’Elenco delle imprese italiane né nell’Elenco delle imprese estere ammesse ad operare nella Rc Auto.


L’IVASS aggiunge che “si rischia di cadere nella rete, perdendo soldi ed esponendosi al rischio di guidare senza copertura, di vedersi sequestrare il veicolo o ritirare la patente o di essere esposti a richieste in caso di sinistro”. L’IVASS raccomanda inoltre di fare estrema attenzione “perché un semplice errore, anche minimo o apparentemente casuale, potrebbe nascondere un imbroglio”. È sempre raccomandabile, quindi, controllare la corrispondenza dei dati di un’impresa sul RUI o sull’Elenco ufficiale perché i dati, pur presenti nell’elenco in quanto appartenenti a soggetti regolari, potrebbero essere stati rubati dai siti-truffa. Per informazioni sulle Imprese assicurative e necessità legate alla stipula di polizze RC Auto l’IVASS invita a rivolgersi al proprio Contact Center, raggiungibile al seguente link:
https://www.ivass.it/consumatori/contact-center/index.html

 

Continua a leggere