ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Concerti, il governo americano prepara un’azione legale contro Live Nation [13-12-2019]  »iPhone, Xiaomi, OnePlus: ecco i migliori smartphone del 2019 [13-12-2019]  »Voto di scambio con la ’ndrangheta: indagato il governatore della Valle d’Aosta Fosson [13-12-2019]  »Gli italiani non vogliono più il gasolio. Ecco le cifre del crollo [13-12-2019]  »Atlantia sospende il pagamento della buonuscita a Castellucci [13-12-2019]  »Popolare Bari commissariata, verso un salvataggio con Mediocredito. Governo spaccato [13-12-2019]  »La Cina conferma la tregua commerciale con gli Usa: via alla «fase-uno» [13-12-2019]  »Utili Ferrero a +9%. Il fatturato italiano supera i 2,4 miliardi. Salomone nuovo presidente [13-12-2019]  »Monopattini elettrici, guerra di emendamenti. Ecco cosa c’è dietro [13-12-2019]  »Bankitalia alza Pil 2019 a +0,2%, rischi per crescita da volatilità mercati [13-12-2019]  »Fondi premiali agli atenei, vincono Venezia e Milano [13-12-2019]  »Le “sardine” piacciono anche in Vaticano. Aspettando la Cei [13-12-2019]  »Scozia e Irlanda del Nord: due mine sull’unità della Gran Bretagna [13-12-2019]  »Lavori in casa, per lo sconto in fattura c’è ancora la chance di Natale [13-12-2019]  »Biotestamento, lo conosce bene solo un italiano su cinque [13-12-2019]  »Per l’industria ricavi fermi, corrono solo i farmaci [13-12-2019]  »Ambiente, ok dei governi al Green Deal Ue ma la Polonia non ci sta [13-12-2019]  »Ex Ilva, che cosa dice l’ordine di spegnimento del giudice [13-12-2019]  »Record senza fine per il palladio: nemmeno l’oro è mai stato così caro [13-12-2019]  »Londra la miglior Borsa europea nella settimana dei Tory. Forte calo dello spread [13-12-2019]  

Menu

Assicurazioni e nuove tecnologie: qualche dato sul futuro del settore

HomeBlogAssicurazioni e nuove tecnologie: qualche dato sul futuro del settore
HomeBlogAssicurazioni e nuove tecnologie: qualche dato sul futuro del settore
Mercoledì, 01 Febbraio 2017 15:43

Assicurazioni e nuove tecnologie: qualche dato sul futuro del settore

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Secondo un’indagine condotta da Willis Towers Watson in collaborazione con Mergemarket, il settore assicurativo sta correndo ai ripari per quanto riguarda la digitalizzazione delle compagnie. I gravi ritardi accumulati dal comparto hanno portato a considerare gli investimenti in questo preciso ambito come una vera e propria necessità.
I dati dell’indagine dicono che il 49% degli intervistati vuole acquisire tecnologie digitali nell’arco dei prossimi tre anni, mentre il 14% vuole acquisire più di una tecnologia. I maggiori investimenti saranno destinati principalmente su tre settori: il customer management, il claim processing e il loss adjustment. Il 77% degli intervistati ritiene inoltre che il web e le applicazioni per mobile saranno i punti di riferimento per la vendita di nuove polizze, e per far sì che questa tecnologie rendano al massimo del loro potenziale sarà necessario, nell’arco dei prossimi 5 anni, implementare l’analisi dei big data, i robo-advisor e i robot-sensor. Specialmente le analytic tools costituiranno un elemento chiave per lo sviluppo del web nel mondo assicurativo. Incoraggianti sono i dati in questo ambito, infatti il 91% degli intervistati sta tentando di acquisire più informazioni dagli attuali clienti in portafoglio, mentre il 53% sta cercando dati disponibili pubblicamente. Altra cifra estremamente interessante è quella riguardante i social network: ben il 79% ha attivato profili social, impostando quindi un lavoro completamente nuovo per il settore.
Letto 1098 volte