ASSICURAZIONI FLAMINIO

»Brexit, anche Macron apre a Johnson: sì a intesa sul «backstop» in un mese [22-8-2019]  »Dagli Uffizi alla Galleria Borghese: dal 1° ottobre cancellati i Cda [22-8-2019]  »Su Ilva e Alitalia distanze siderali tra 5 Stelle e Pd [22-8-2019]  »Laboratorio Lazio, dove Pd e M5S collaborano da sponde opposte [22-8-2019]  »Bce, più tempo alle banche per coprire i crediti deteriorati [22-8-2019]  »Mediaset presenta esposto Consob contro Vivendi: «Deprime il titolo» [22-8-2019]  »Corea del Sud: stop al patto col Giappone sull’intelligence [22-8-2019]  »Samp ceduta a Vialli & friends, firmata lettera di intenti [22-8-2019]  »L’hashtag compie 12 anni: ecco quelli più utilizzati in Italia [22-8-2019]  »Libra sfida le Banche centrali e la Ue: depositato lo statuto a Ginevra [22-8-2019]  »I paletti del Pd all’intesa con M5S: taglio parlamentari solo con nuova legge elettorale [22-8-2019]  »Controesodo 2019, come sopravvivere a traffico, scioperi e Tutor [22-8-2019]  »Piazza Affari avanza banche e Tim, Wall Street in rialzo [22-8-2019]  »Venezia, le grandi navi da crociera andranno a Marghera [22-8-2019]  »Trump contro la Fed alla vigilia del forum di Jackson Hole: è un problema [21-8-2019]  »Genova, Toninelli supera l’analisi costi-benefici sulla Gronda: «Si farà» [21-8-2019]  »Lega-M5S, 2 diverse idee di popolo: così è fallito il laboratorio sovranista d’Europa [21-8-2019]  »Banche: parte l’operazione indennizzi per 200mila risparmiatori [21-8-2019]  »Amazzonia in fiamme, Bolsonaro dà la colpa alle Ong e dice: «Non abbiamo i fondi» [21-8-2019]  »Pd-M5S: i nomi in lizza per toto-premier e squadra [21-8-2019]  

Menu

Assicurazioni e nuove tecnologie: qualche dato sul futuro del settore

HomeBlogAssicurazioni e nuove tecnologie: qualche dato sul futuro del settore
HomeBlogAssicurazioni e nuove tecnologie: qualche dato sul futuro del settore
Mercoledì, 01 Febbraio 2017 15:43

Assicurazioni e nuove tecnologie: qualche dato sul futuro del settore

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Secondo un’indagine condotta da Willis Towers Watson in collaborazione con Mergemarket, il settore assicurativo sta correndo ai ripari per quanto riguarda la digitalizzazione delle compagnie. I gravi ritardi accumulati dal comparto hanno portato a considerare gli investimenti in questo preciso ambito come una vera e propria necessità.
I dati dell’indagine dicono che il 49% degli intervistati vuole acquisire tecnologie digitali nell’arco dei prossimi tre anni, mentre il 14% vuole acquisire più di una tecnologia. I maggiori investimenti saranno destinati principalmente su tre settori: il customer management, il claim processing e il loss adjustment. Il 77% degli intervistati ritiene inoltre che il web e le applicazioni per mobile saranno i punti di riferimento per la vendita di nuove polizze, e per far sì che questa tecnologie rendano al massimo del loro potenziale sarà necessario, nell’arco dei prossimi 5 anni, implementare l’analisi dei big data, i robo-advisor e i robot-sensor. Specialmente le analytic tools costituiranno un elemento chiave per lo sviluppo del web nel mondo assicurativo. Incoraggianti sono i dati in questo ambito, infatti il 91% degli intervistati sta tentando di acquisire più informazioni dagli attuali clienti in portafoglio, mentre il 53% sta cercando dati disponibili pubblicamente. Altra cifra estremamente interessante è quella riguardante i social network: ben il 79% ha attivato profili social, impostando quindi un lavoro completamente nuovo per il settore.
Letto 965 volte